Cuffaro abbi un pò di dignità e dimettiti!!

Ieri finalmente è arrivata la tanto attesa sentenza Cuffaro. I giudici del tribunale di Palermo hanno condannato a cinque anni di reclusione per favoreggiamento semplice il presidente della regione Sicilia Salvatore Cuffaro nel processo sulla presunta infiltrazione di alcune “talpe” nella Direzione distrettuale antimafia (Dda) del capoluogo siciliano. Favoreggiamento semplice ma niente aggravanti mafiose. Cuffaro è stato colpito anche da interdizione dai pubblici uffici, ma può restare in carica fino a quando la sentenza non passi in giudicato. Il governatore ha subito annunciato il ricorso in appello e ha ribadito che non si dimetterà. Oltre a Cuffaro sono stati condannati anche gli altri 13 imputati nel processo, tra cui l’imprenditore Aiello, accusato di associazione mafiosa e truffa nel campo sanitario. La sentenza parla chiaro Cuffaro è stato condannato seppur senza aggravanti, ma sempre di una condanna si tratta. Invece a sentir parlare lui, tutto girava intorno alle aggravanti, comprese le sue dimissioni, come se una condanna a 5 anni non bastasse. E’ davvero sconcertante sentire tutte le dichiarazioni rese da Cuffaro dai suoi collaboratori, amici, avv. ecc…per non parlare delle veglie di preghiera organizzate i giorni prima della sentenza. Ora io mi chiedo ma questo uomo è senza dignità o cosa??O meglio ancora, questo uomo ha rispetto per noi siciliani?? Ovviamente entrambi i miei interrogatori hanno una risposta negativa. Comunque io sono convinta che la sua forza non derivi solo da una autostima, ma anche e soprattutto da milioni di siciliani che vivono bene in questa situazione. Noi tutti dovremmo ribellarci ad un presidente della regione condannato che non vuole lasciare la poltrona. C’è chi si è dimesso di fronte ad un semplice avviso di garanzia, e chi di fronte ad una sentenza così grave resta al suo posto. E’ una vergogna! Cuffaro dimettiti!

Cuffaro abbi un pò di dignità e dimettiti!!ultima modifica: 2008-01-19T18:45:00+01:00da benerike
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento